VII MODULO – OPERATIVITÀ APPLICATA A DIPENDENZE E CRONICITÀ

VII° MODULO – METODO KINESP® – OPERATIVITA’ APPLICATA A DIPENDENZE E CRONICITA’ (prerequisiti I, II, IV)

I WEEKEND: cosa significano cronicità e dipendenza e come si riconoscono

II WEEKEND:  ricerca e comprensione della causa primaria e operatività per apportare miglioramento. Potenzialità delle “fiale test”.  Esercitazioni pratiche

 

Attestato di partecipazione “dipendenza e cronicità: l’operatività del metodo kinesp”

Questo modulo appartiene al METODO KINESP® – Secondo Livello

 

 

PTENZIALITA’ DEL TEST KINESIOLOGICO NELLE DIPENDENZE E CRONICITA’

  • I simboli della malattia: il simbolo di dove si verifica, quando, che sintomi dà, quando migliora o peggiora.
  • Collegamento tra malattia, abitudini, emozioni e conflitti.
  • Correlazione tra disturbi emozionali del comportamento e conflitti biologici. Verifica attraverso il test kinesiologico.
  • Valutazione del desiderio di cambiamento.
  • Il test di accesso: imparare a fare le domande giuste per riconoscere i “modelli del nucleo” (vissuti nei primi anni di vita o ereditati).
  • Rimodellamento delle abitudini, dei traumi e delle fobie.
  • Depotenziare il conflitto biologico attraverso il trattamento e l’integrazione emozionale.
  • Trattamento dei traumi ereditati.
  • Riconoscimento dell’evento programmante la malattia e dell’evento scatenante, che l’ha attivata.
  • Costruzione della storia famigliare attraverso i simboli e i sintomi.
  • Trattamento ed interpretazione genealogica delle dipendenze: il fumo, le droghe, l’obesità, l’anoressia e la bulimia. Approccio base per conoscerne la causa primaria ed interventi di destrutturazione.
  • La malattia come modalità per mantenere la propria visione delle cose (“falsa percezione” di Sankaran) e costringere l’ambiente a seguire i propri dettami e modificarsi.
  • Alcuni esempi e trattamenti di malattie croniche e degenerative.
  • Le intolleranze o allergie ed utilizzo della stessa tecnica.
  • Riconoscimento delle proprietà biologiche ed organiche dei cibi e delle sostenze allergeniche, ma anche del loro simbolismo per individuare la causa e disattivarla.
  • Integrazione tra trattamento fisico ed emozionale.
  • Individuazione dei conflitti biologici attraverso il test kinesiologico. Verifica della fase vagotonica o simpaticotonica.  Riconoscere se il conflitto è in fase attiva, o in soluzione oppure è l’individuo non riesce ad uscire dal conflitto.
  • Raggiungere i livelli profondi dell’individuo.
  • Verifica dell’utilità dei rimedi trovati e loro possibili effetti collaterali. Individuazione del “peggioramento” e verifica se sarà di tipo fisico o emozionale.
  • Come rendere permanente il risultato (pervasività).
  • Fattori che si oppongono al risultato. Depistaggi.
  • Raggiungere i livelli profondi dell’individuo.
  • Conflitti biologici individuali ed ereditati.
  • Conflitti biologici primari e conflitti accessori.
  • Individuare il nucleo del conflitto biologico attraverso i simboli e gli indizi dei conflitti accessori.
  • Il dolore nei conflitti biologici e nei conflitti accessori.
  • Cosa sto cercando e cosa sto trovando nei test kinesiologici.
  • Il test kinesiologico come l’indagine grafologica.
  • Il peggioramento nel conflitto accessorio e nel conflitto biologico.